Associazione Culturale Noste Reis - Lingua e cultura del Piemonte

Cerca nel sito

Vai ai contenuti

Lezione 16

Breve corso online

Conversassion


- At pias la fruta, Cristin-a?
- Sigura ch'am pias, Fransesch.
- A mi am piaso 'd pi j'agrum: limon, portugaj...
- Mi, nop, i l'hai pi car l'a, j'armognan, ij persi
e gnanca le frle am dspiaso nen.
- Le frle a son trp dosse.
- Sn it lo dise ti. E ln ch'it na des dj'ambrun-e?
- I na diso ch'a son bon-e. Sas-to pa coma ch'as
ciamo 'dc an piemontis?
- As ciamo 'dc arzze.
- Tut s parl 'd frut d bsch a l'ha fame ven-e
veuja 'd na bela macednia. Cs it na des?
Is la fom-ne?
- D'acrdi: fomss-la!




Vocabolari

sigura ch'am pias! = certo che mi piace!
portugal = arancia
a / uva = uva
armognan / armognach = albicocca
persi = pesca
ambrun-a / arzza = mirtillo
sas-to pa? = non sai mica?
tut s parl = tutto questo parlare
is la fom-ne? = ce la facciamo? (da non confondere con
i-i la fom-ne? = riusciamo?)
fomss-la (pron. fmssla o fmssla) = facciamocela

Letura 1


La lenga piemontisa, i l'oma gi dilo, a l' nen un dialt d l'italian.

A l' consider na lenga da tit ij linguista ij p avos, tan vej che giovo, tan viv che mrt: con tut lol l Stat italian a seguita a amplacheje a cl l patachin d dialt, e sn a constituiss n'ingiustissia granda. E. Haugen, H. Ldtke, K. Gebhardt, G. R. Clivio, G. Bossong, e via frt parj, a son nen d scaussacan. A son ij p grand espert d lenghe neolatin-e ch'a-i sia al mond. Ben: lor-s a diso
s-cianc e pl che 'l piemontis a l' na lenga
e nen un dialt.

Bele che l'Italia a l'abia (ancor) nen arconoss l'esistensa dl piemontis coma lenga a part, la Region Piemont e ij linguista an dan 'd rason.

Cand ch'i parloma piemontis, i dovroma nen n'idima inferior o d sconda srnia, ma na lenga neolatin-a ch'a dev survive. A dev!




Vocabolari

avos = famoso
tan... che... = cos... come....
con tut lol = ciononostante
amplach = appicciare
a cl = addosso
d 'd rason = dare ragione
scaussacan = scalzacane
d sconda srnia = di seconda scelta
s-cianc e pl = chiaro e tondo

Letura 2


LA BELA UDA

uda a l'era na p bela fija. A l'era bionda coma l'r e ij s euj a j'ero gris coma l'eva sclinta d'un ri. uda a l'era na brgera, e 'l re Arduin, ch'a regnava a Ivrja, la sit fond dai Roman cand a governavo 'l mond, a l' an-namorasse 'd chila.
A l'ha ciamala an sposa, ma chila a bstandava: s pare a vora ch'a-j dijissa i al monarca,
ma uda a l'era peui nen tan decisa.

E na neuit ch'a tempestava, l cap d na cca
'd brigant a l'ha rapila: 'dc chiel a l'era ancarpionasse 'd chila.
E la Bela uda, che fin ch'a l'ha fit?
S'i veule savj-lo pass a la lession ch'a ven!




Vocabolari

na p bela fija = una gran bella ragazza.
gris = grigio
eva = acqua
sclint = limpido
ri = rio, corso d'acqua
Ivrja = Ivrea
an-namoresse = innamorarsi
a l'ha ciamala an sposa = l'ha chiesta in sposa
brg = pastore di montagna
bstand = esitare
d i = dire s
tempest = grandinare
cca = banda
brigant / brigand = brigante
ancarpionesse ('d caidun / caidun-a) = prendersi una cotta per qualcuno / -a
s'i veule savj-lo = se volete saperlo

VERB


IL CONDIZIONALE PRESENTE

1a coniugazione

2a coniugazione

3a coniugazione

cant (cantare)

desinenza

serne (scegliere)

desinenza

fin (finire)

desinenza

mi i cantra
(io canterei)

-ria

mi i sernra
(io sceglierei)

-ria

mi i finira
(io finirei)

-ira

ti t cantre(s)
(tu canteresti)

-re(s) - re

ti t sernre(s)
(tu sceglieresti)

-re(s) -re

ti t finire(s)
(tu finiresti)

-ire(s)

chiel / chila a cantra
(egli/ella canterebbe)

-ra

chiel / chila a sernra
(egli/ella sceglierebbe)

-ra

chiel / chila a finira
(egli/ella finirebbe)

-ira

nojuti i cantro
(noi canteremmo)

-ro

nojuti i sernro
(noi sceglieremmo)

-ro

nojuti i finiro
(noi finiremmo)

-iro

vojuti i cantre
(voi cantereste)

-re(s) - re

vojuti i sernre
(voi scegliereste)

-re(s) -re

vojuti i finire
(voi finireste)

-ire

loruti a cantro
(essi/e canterebbero)

-ro

loruti a sernro
(essi/e sceglierebbero)

-ro

lorutri a finiro
(essi/e finirebbero)

-iro

condizionale presente degli ausiliari

esse (essere)

avj (avere)

mi i sara (sarei)

mi i l'avra (avrei)

ti it sare(s) (saresti)

ti it l'avre(s) (avresti)

chiel / chila a sara (sarebbe)

chiel / chila a l'avra (avrebbe)

nojuti i saro (saremmo)

nojuti i l'avro (avremmo)

vojuti i sare (sareste)

vojuti i l'avre (avreste)

loruti a saro (sarebbero)

loruti a l'avro (avrebbero)


Nel caso di verbi il cui radicale termina in consonante seguita da una
r. oppure l .come
dsbl (disfare, distruggere), anfl (sporcare, lordare), intr (entrare) etc,
le desinenze del condizionale (come quelle del futuro) si attaccano all'infinito:
i dsblera, it anflere(s), a intrera.

A questa regola fa eccezione il verbo parl (parlare): i parlrai, i parlra ecc.

ESERCISSI. VIR AN ITALIAN / AN PIEMONTIS


1. A sara bel podj st tut l di cogi (= coricato) ant l'erba a deurme.
2. A ventra f p d'atension!
3. I sai mi ln ch'i diso!
4. Dabon it lo sas? Mi i l'hai l'ampression ch'it prles prch ch'it l'has la boca.
5. Cs dis-to? Veus-to ofend-me?
Veus-to tach rata? (
tach rata = attaccar briga).




1. Se fossimo gi a casa sarebbe meglio.
2. Vai a vedere se Cristina gi arrivata.
3. Se non fossero troppo care, comprerei
un chilo (
un chilo) di albicocche.
4. Daniele sarebbe un gran bel ragazzo
se non fosse troppo grasso (
grass)!
5. Entrerei subito in quel giardino
se non avessi paura dei cani.

Home Page | L'Associazione Noste Reis | Corsi per le scuole | Corsi per adulti | Le pubblicazioni | La lingua piemontese | Mondo, identit e storia | Breve corso online | Letteratura | Pittura | Scienza | Attivit e incontri | Contatti e Note | Riconoscimenti | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu