Associazione Culturale Noste Reis - Lingua e cultura del Piemonte

Cerca nel sito

Vai ai contenuti

Lezione 7

Breve corso online

Letura 1


Fula dij doi frej (1 part)

Cand ch'ij giari a portavo le sche
(1), ant un vilage dl Monfr a-i era n'm ch'a l'ava doi fieuj.

A l'era pver com tut, e, combin ch'a gumissa (2) da la primalba a neuit ancreusa, a vagnava motoben pch e antcc a-i era sempe la miseria.

Strach d sa situassion, na vira a l'ha ciam ij s fieuj e a l'ha dije: Scot ben tit doi. Mi i rusco parj d'un mat e im fas ven-e ij quaj a le man e j'ajassin ai pe, e con tut lol i vagno scasi nn: i vdde ben ch'i tribuloma a but d'acrdi 'l disn con la sin-a. S'i voroma chitela 'd tireje vrde a-i mach na rba ch'as peul fesse: l pi grand d vojutri a venta ch'as na vada e ch'a serca 'd f fortun-a.
l fieul p grand, ch' a-j diso Vigin, a l'ha cap, a l'ha pij l'andi. A l'ha portasse dapress mach un gat.

(1) Cand ij giari a portavo le sche = lett. "quando i topi portavano gli zoccoli". L'espressione vuol dire "molto tempo fa". Variante: cand / quand che Berta a filava = lett. "quando Berta filava".

(2) Combin che + congiuntivo = sebbene, bench.

Vocabolari

fula = favola; fiaba

giari = topo (var. rat)
sche = zoccoli (da mettere ai piedi)
vilage = villaggio
Monfr = Monferrato
a-i era = c'era
a l'ava = aveva
pver = povero.
Pver com tut = poverissimo




gum = lavorare molto e faticosamente
primalba = la prima fase dell'alba
a neuit ancreusa = a notte fonda
strach (
straca, strache) = stanco
sa = questa; codesta
na vira / na vta = una volta
a l'ha ciam = ha chiamato
ij s = i suoi
a l'ha dije = ha detto loro
scot ben = ascoltate bene
tit doi = tutti e due
rusch = lavorare faticosamente
parj d'un mat = come un matto
im fas ven-e / vn = mi faccio venire
quaj = callo (delle mani)
ajassin = callo (dei piedi)
man = mano
pe = piede
con tut lol = malgrado tutto (lett. con tutto ci)
scasi nn = quasi niente (
nen = non; nn = niente)
tribul = faticare, tribolare, stentare
but d'acrdi 'l disn con la sin-a = mangiare regolarmente (lett. Mettere d'accordo il pranzo con la cena)
chit = smettere (anche: abbandonare)
tireje vrde = vivere di stenti, tirare avanti con estrema difficolt (lett. "tirarle verdi")
a-i mach na rba = c' solo una cosa
as peul fesse = si pu fare
a venta ch'as na vada = bisogna che se ne vada
e ch'a serca = e che tenti
f fortun-a = fare fortuna
a-j diso = lo chiamavano (lett. "gli dicevano")
a l'ha cap = ha capito
a l'ha pij l'andi = si avviato. (
pij l'andi = avviarsi)
a l'ha portasse = si portato
dapress = appresso
gat / ciat = gatto

Letura 2


Fula dij doi frej (2 part)

Vigin a l'ha marci, a l'ha marci, e marcia ch'it mrces a l' ruv ant na sit.
Maravj!
(1) Le contr a bulicavo 'd giarion grss e gris: a-i era 'd giari dasprtut.
Vigin a l'ha ciamaje a na fomna
(2) ch'a vardava da la fnestra 'd na ca: Bon-a dna, com -la che vsta sit a l' pien-a 'd giari?
La fomna a l'ha rsponduje: S'it savisses! An nstra sit a-i pa un gat gnanca a carielo d'r!
Ahid! I soma dsgrassi a na bela mira!

Anlora Vigin a l'ha daje 'l largh (3) al gat ch'a stasa ant na gabia (4); chiel, pen-a ch'a l' stit fra, a l'ha comens a deje la cassa ai giari, che, pien d por, a l'han dit man a gambe, e a son scap pi lest che an pressa lgn da cola sit.

La gent a j'ero (5) tan content d'esse stit liber dai giari ch'a l'han pij un cher, a l'han ampinilo 'd tuta srt d rba mangiativa, la pi fin-a ch'a-i era, e a l'han dije a Vigin: tut soss a l' pr ti, ch'it l'has salv sa sit. E, sl pat, a l'han fin-a faje cad 'd na bara d'r. E Vigin a l' torn a ca content, e s pare a l'ha laudalo e a l'ha faje festa.

(La fin a l' ant la lession eut).

(1) si tratta di un'esclamazione usata oggi esclusivamente nella lingua letteraria; il sostantivo italiano meraviglia si traduce con maravija.

(2) A l'ha ciamaje a na fomna: ha chiesto ad una donna (lett. le ha chiesto ad una donna)

(3) D 'l largh o largh = liberare, sciogliere (detto degli animali); largh le crave (le capre), le vache (le mucche); largh 'l can (lasciare andare, sciogliere il cane), largh le fje (lasciar le pecore libere di pascolare)

(4) Gabia anche un aggettivo indeclinabile, di uso prevalentemente gergale o familiare, col significato di matto, strano, folle

(5) La gent a j'ero = la gente era. Il sostantivo gent richiede il verbo al plurale.

Vocabolari

marc = camminare; marciare
marcia ch'it mrce(s) = cammina cammina (var. va ch'it vas)
ruv = arrivare
sit = citt
maravj = oh, meraviglia
contr = via




bulich / bolich = brulicare
giarion = accrescitivo di giari
gris = grigio
a-i era 'd giari = c'erano topi
dasprtut / damprtut = dappertutto
ciam = chiedere
-je = gli, le, loro, pronome (in coda al verbo)
vard = guardare
fnestra = finestra
com -la che? = Come mai? per qual motivo?
pien = pieno (femm. pien-a)
a l'ha rsponduje =gli ha risposto
s'it savisse(s)! =se (tu) sapessi!
gnanca a carielo d'r = neanche a pagarlo (lett. neanche a caricarlo d'oro)
ahid / ohid = ahime (lett. ahi Dio; de = dio). Varianti: ahim; alas; elaj; ecc.
i soma dsgrassi a na bela mira! = siamo oltremodo disgraziati (sfortunati)!
a l'ha daje 'l largh = lo ha liberato (lett. gli ha dato il largo)
a stasa = stava
gabia = gabbia
pen-a ch'a l' stit fra = non appena stato fuori
comens = cominciare
d la cassa = dare la caccia
d man a gambe = fuggire a gambe levate (lett. "dare mano a gambe")
scap (scap dopo consonante) = fuggire
pi lest che an pressa / pi prest che an pressa = in gran fretta, velocissimamente
lgn / leugn = lontano
cola = quella
esse stit = essere stato / -i
liber = liberare
liber = liberato /-a /-i /-e
pij = prendere
cher = carro (pronunciato con e aperta)
ampin = riempire
tuta srt = ogni tipo; ogni sorta
rba mangiativa = roba da mangiare
mangiativ = commestibile
fin = fine; delicato; pregevole; scelto, ecc.
a l'han dije = gli hanno detto
tut soss = tutto ci
salv = salvare
sa = questa; codesta
sl pat / sla paciara = per soprannumero; in pi
fin-a = perfino
a l'han faje = gli hanno fatto
cad = regalo, dono
bara d'r = lingotto d'oro
torn = tornare (mi i torno)
laud = lodare (mi i ludo)
f festa = festeggiare

NTE D GRAMTICA


AGGETTIVI E PRONOMI DIMOSTRATIVI

singolare

plurale

maschile

femminile

maschile

femminile

piemontis

italiano

piemontis

italiano

piemontis

italiano

piemontis

italiano

cost

questo

costa

questa

costi

questi

coste

queste

col

quello

cola

quella

coj

quelli

cole, coj' (*)

quelle

s

questo

sa

questa

si

questi

s

queste

(*) coj' davanti a vocale. Esempio: coj' erbe (quelle erbe) ma coj erbo (quegli alberi)

Attenzione: in piemontese i dimostrativi si accompagnano spessissimo agli avverbi
s, l, l,
che fungono da rafforzativi. Esempi:

col-l a l' m frel = lett.: quello l mio fratello.
cola-l a l' mia seur = quella l mia sorella.
ln ch'a veul col fieul-l? = cosa vuole quel ragazzo?
cost-s a l' m lber = questo il mio libro.
cost lber-s a l' m = questo libro mio.

Notare che, quando il dimostrativo aggettivo, l'avverbio rafforzativo viene posposto al sostantivo.
Ad esempio:
mio fratello quello =
m frel a l' col-l e quel ragazzo mio fratello = col fieul-l a l' m frel ,
ma non
col-l fieul a l' m frel.

Notare che cost-s pronunciato [kust] (la s dell'avverbio muta).

Nell'uso odierno cost e s sono spesso intercambiabili. La regola dice che cost vicino a chi parla, s a chi ascolta, mentre col lontano da entrambi. In realt la distinzione tra cost e s non viene rispettata sistematicamente dai parlanti moderni.

Notare ancora le forme chiel-s, chila-s, lor-s, che sono frequenti e possono assumere una sfumatura di disprezzo. Ad esempio: ma chi a l' chiel-s? = ma chi costui?

VERB

 

imperfetto prima coniugazione

cant

cantare

mi i cantava

io cantavo

ti it cantave / it cantves

tu cantavi

chiel / chila a cantava

egli / ella cantava

nojutri i cantavo

noi cantavamo

vojutri i cantave

voi cantavate

lorutri a cantavo

essi cantavano

I verbi della prima coniugazione seguono tutti questo paradigma, ad eccezione di d (dare), st (stare), f (fare), and (andare) che hanno un imperfetto irregolare:

imperfetto verbi irregolari di prima coniugazione

d

st

f

and

mi i dasa

mi i stasa

mi i fasa

mi i andasa

ti t dase(s)

ti t stase(s)

ti 't fase(s)

ti it andase(s)

chiel / chila a dasa

chiel / chila a stasa

chiel / chila a fasa

chiel / chila a andasa

nojuti i daso

nojuti i staso

nojuti i faso

nojuti i andaso

vojuti i dase

vojuti i stase

vojuti i fase

vojuti i andase

loruti a daso

loruti a staso

loruti a faso

loruti a andaso


IMPERATIVO PRESENTE

L'imperativo presente piemontese si forma con facilit:
al singolare coincide con la terza persona singolare dell'indicativo presente dei verbi (senza il pronome verbale
a), al plurale coincide con l'infinito presente del verbo:

parla! = parla!

parl! = parlate!

sern! = scegli!

serne! = scegliete!

finiss! = finisci

fin! = finite!

ESERCISSI. VIR AN ITALIAN / AN PIEMONTIS


1. Jer it stase mal; ancheuj it stas na frisa mej?
2. Cand che 'l gat a-i nen ij giari a danso (dans = ballare).
3. A l'ava na fija ch'a-j diso Norin-a.
4. S'it veus it conto na fula coma cole ch'am contava sempe mia mare cand i j'era cita.
5. l gat a stasa al cud ant soa cocia (= cuccia) antant che (= mentre) feura a fiocava (fioch = nevicare)
6. Chi cha l col mons-l? A l Maurilio, cha viv ant la ca ansima l brich (= collina scoscesa)




1. Oggi non c' il sole. Non c'era nemmeno (
gnanca) ieri, cos ho preso l'ombrello (parapieuva).
2. Se cammini in fretta arrivi in tempo (
an temp).
3. Cosa ti diceva? Non lo so e non voglio saperlo.
4. Questo libro mio, non portarlo via
5. Quel bel ragazzo il mio fidanzato (
moros) e si chiama Gianni. Piace anche a te?
6. Finiscila, non ti voglio pi sentire!

Home Page | L'Associazione Noste Reis | Corsi per le scuole | Corsi per adulti | Le pubblicazioni | La lingua piemontese | Mondo, identit e storia | Breve corso online | Letteratura | Pittura | Scienza | Attivit e incontri | Contatti e Note | Riconoscimenti | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu