Associazione Culturale Noste Reis - Lingua e cultura del Piemonte

Cerca nel sito

Vai ai contenuti

Lezione 2

Breve corso online

Conversassion


Cristin-a a veul and al mar.
- It vas al mar, Cristin-a? a dis Pula,
na soa ama.
- , a rspond Cristin-a, i lhai veuja d no.
- It noe bin? a ciama torna Pula, chriosa.
- Franch bin, i fas nen pr deme d sagna.
I noo bin dabon.
- E vire t pense dsteje al mar?
- Un mis. Peui i vad an montagna.
- Mar e montagna! It lhas motobin d temp lber,
amisa!
- -, I lhai l boneur d f un travaj cham lassa
soens lbera.
- It amuse d p al mar o an montagna?
- I sai nen a dite. Tit doi jambient am piaso

Vocabolari

a veul = vuole
and = andare
mar = mare
mis = mese
it vas = vai
a dis = dice




soa = sua
ama / amisa = amica

i vad / i von = vado
/ - = s
no = nuotare; i noo = nuoto; it noe = nuoti
motobin = molto
a ciama = chiede
chriosa = curiosa
deme d sagna = darmi arie
boneur = fortuna
i fas nen pr = non faccio per
dabon = davvero
it pense = pensi
dsteje = di starci
f = fare
travaj = lavoro
mm lassa = mi lascia
lber = libero /-i; libera = libera
soens = spesso
it amuse = diverti / ti diverti
d p (d p dopo vocale) = di pi
tit doi / tuti doi = tutti e due
am piaso = mi piacciono

Letura


l can a l cit. Ij can a son cit.
La fior a l bela. Le fior a son bele.
l caval a cor. Ij cavaj a coro.
Londa a l longa. Jonde a son longhe.
Lidja a l mia. Jidje a son mie.
Lerba a l prfum.
l parco. Ij parco. La ca grssa. Le ca grsse.
La fija. Le fije. La masn. Le masn.

Vocabolari

can = cane
cit = piccolo




fior ( femminile: la fior) = fiore
bela = bella; bele = belle
caval = cavallo; cavaj = cavalli
a cor = corre
longa = lunga; longhe = lunghe
a vagna = vince
idja = idea
prfum = profumato /-a/ -i /-e
parco = parroco
ca = casa
grssa = grossa
fija = figlia / ragazza
masn = bambino /-a

NTE D GRAMTICA


1. Notare che i pronomi
mi, ti, chiel, chila, etc. (corrispondenti agli italiani: io, tu, egli, ella, etc.) non sono obbligatori: si usano per dare maggior enfasi alla frase: it ses (= sei), ti t ses (= tu sei).
Invece i pronomi verbali sono obbligatori e non si possono omettere. Essi sono:
i (prima persona sing. e prima e seconda plur.); it (seconda sing.) ed a (terza persona sing. e plur.).

2. In piemontese s si dice (dal latino EST), spesso raddoppiato in -.
Se si vuole dare pi forza allaffermazione si usa
i / eui (dal latino HOC ILLUD).

3. Notare la costruzione i sai nen a dite (letteralmente: non so a dirti = non ti so dire).
I verbi
vdde (= vedere), savj (= sapere) e sente (= sentire) si costruiscono con la preposizione a quando reggono deglinfiniti: i lo sento a cant (= lo sento cantare); i lo vddo a core (= lo vedo correre), etc.

4. Motobin (variante: motben) traduce litaliano molto. Per dire ha molto denaro o vedo molti uomini si usa motobin d: a lha motobin d dne; i vddo motobin dmo.

5. Larticolo determinativo piemontese al singolare l per il maschile e la per il femminile;
al plurale abbiamo
ij e le.
Se i nomi a cui si applica cominciano per vocale,
l e la diventano l mentre ij e le diventano j.
Esempi:
l can > ij can; la ca > le ca; lamor > jamor; londa > jonde.
Si ritorner in seguito sualcune particolarit dellarticolo determinativo.

6. I nomi piemontesi si presentano sotto la stessa forma al singolare come al plurale.
La distinzione di numero data dallarticolo. Fanno eccezione:

a. i nomi femminili uscenti in a (desinenza non accentata), che cambiano la vocale in e:
fomna (= donna) > fomne (= donne); stila (= stella) > stile (= stelle);
stria (= strega) > strie (= streghe); etc.
Se invece il nome maschile e/o la desinenza accentata, la forma del plurale identica al singolare:
l poeta (= il poeta) > ij poeta (= i poeti); l par (= il paracadutista) > ij par (= i paracadutisti); etc.

b. i nomi uscenti in l, che cambiano tale consonante in j:
l caval (= il cavallo) > ij cavaj (= i cavalli); la rol (= la quercia) > le roj (=le querce);
l dial (= il ditale) > ij diaj (= i ditali); etc.

c. i sostantivi ann (= anno) e m / mo (= uomo) al plurale fanno agn / ani e imo.
m / mo pu tuttavia rimanere invariato al plurale.

VERB


INDICATIVO PRESENTE DI ALCUNI VERBI IRREGOLARI

and

andare

i vad / i von

io vado

it vas

tu vai

a va

egli / ella va

i andoma

noi andiamo

i andeve

voi andate

a van

essi vanno

f

fare

i fas / i fon

io faccio

it fas

tu fai

a f

egli / ella fa

i foma

noi facciamo

i feve

voi fate

a fan

essi fanno

st

stare

i stagh / i ston

io sto

it stas

tu stai

a st

egli / ella sta

i stoma

noi stiamo

i steve

voi state

a stan

essi stanno

savej

sapere

i sai

io so

it sas

tu sai

a s

egli / ella sa

i savoma

noi sappiamo

i seve

voi sapete

a san

essi sanno

vorej

volere

i veuj

io voglio

it veus / it veule

tu vuoi

a veul

egli / ella vuole

i voroma

noi vogliamo

i veule

voi volete

a veulo

essi vogliono

   

ESERCISSI. VIR AN ITALIAN / AN PIEMONTIS

1. l can a cor.
2. La masn a l bela.
3. Andoa a van ij can?
4. Jonde a son ute (ut = alto).
5. Ti t sas chi cha l cola fija bionda?



1. Cosa fai in casa?
2. Studio. Tu cosa fai?
3. Voglio andare al mare.
4. Quanto stai in montagna?
5. Il fiore profumato: una meraviglia!
6. Vai al mare? Anchio.
7. Quanti ne hai di fiori? Ne ho venti.


Home Page | L'Associazione Noste Reis | Corsi per le scuole | Corsi per adulti | Le pubblicazioni | La lingua piemontese | Mondo, identit e storia | Breve corso online | Letteratura | Pittura | Scienza | Attivit e incontri | Contatti e Note | Riconoscimenti | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu