Associazione Culturale Noste Reis - Lingua e cultura del Piemonte

Cerca nel sito

Vai ai contenuti

Secolo XVIII

Letteratura


La pace di Utrecht (1713) pone fine alla guerra di successione spagnola e il duca Vittorio Amedeo II riceve la corona reale. Per la cultura piemontese un periodo di grande fioritura.
Iniziano studi sulla lingua, in cui si distinguono il filologo Barone Vernazza (le sue opere sono conservate alla Biblioteca Reale di Torino), Guido Gaschi conte di Bourget e di Villarodin che stabilisce le norme di scrittura e lettura e il padre Guglielmo Della Valle, fondatore dell'Accademia di Fossano.
Questi studi sfociano nella pubblicazione della Prima Grammatica Piemontese (1783) ad opera del medico cuneese Maurizio Pipino che normalizza ufficialmente grafa e morfologia della lingua.
Si forma cos un'unica lingua comune per tutto il Piemonte.

Ignazio Isler (1702-1788?) un colto ecclesiastico (parroco del Convento della Crocetta di Torino) che scrive le sue composizioni (Tni) musicandole per il clavicembalo. In esse illustra con facezia la vita quotidiana del popolo e, quando occorre, anche il malcostume ecclesiastico.
I
Tni dell'Isler sono 54 e la prima edizione del 1799.

Ventura Cantiermetre (Giuseppe Antonio Ignazio Avventura, 17331777), ufficiale del Reggimento Dragoni PIemonte, la prima voce piemontese di intonazione politica e sociale che segue l'air du temps.
La rivoluzione francese alle porte.


Edoardo Ignazio Calvo (Torino 1773-1804), medico all'opedale di San Giovanni, un acceso sostenitore delle idee liberali e, inizialmente, della rivoluzione francese. Fustiga i privilegi dei nobili e del clero.
I suoi entusiasmi rivoluzionari si spengono ben presto di fronte all'impietosa realt: i francesi portano in Piemonte nuove tasse, balzelli e obblighi e svuotano i musei dalle opere d'arte.
Le sue stupende Fule Moraj, ispirate alle favole di Esopo e Fedro, cantano il suo disinganno.


Fra le sue opere:
Le Fole religiose, denuncia del fanatismo di tutte le religioni
Il diavolo in status quo (in italiano) contro la perversione dei preti e l'oppressione napoleonica
Campan-a a martel pr ij Piemontis
LArtaban baston, commedia politica contro 'ij tre C' (Carlo Botta Carlo Bossi Carlo Giulio), piemontesi collaborazionisti che governano per conto dell'oppressore francese

Da citare ancora sono:

l'abate Antonio Tarizzo, col poemetto epico L'arpa discordata, ispirato all'assedio di Torino del 1706,
il Cav. Vittorio Amedeo Borrelli (Valenza, 1723), linguista e poeta di Tni arcadici,
il sacerdote predicatore cuneeseo Silvio Balbis, autore teatrale.

Fula IV Ij scalavron e javije
Edoardo Ignazio Calvo


Na ni d Moscon, scap da nt un fornel,
a frsa d scopass e darbuton
intra n un buss davije pien damel.

Ste-s lhan av por d coj barbison
Dal moro piat, dl vest scur, dij stivaj lust,
e son strmasse tute ant ij canton.

Jitri, trovand lamel chava bon gust,
trovand javije divise an doi part,
son fasse lor padron, com a l d giust;

i st p gnun mojan d feje surt:
lero crudej e dur com d scalin
e a frsa dujon s fasivo ubd.

Vddendse a la miseria, na matin,
javije p decise a fan consj
dand trov lArgin-a ant s cambrin

pr vdde qual part sara st l mej
pr d la pal al cul a sti tavan,
chjavivo gi rusi mesi ij cotej.

l vot preponderant dl gran divan
l stait d sped prest nambassador,
chandissa vers la val dl Rabadan,

dov i era su la sima duna tor
una trib famosa d galavron,
ch fasa mach la gura pr lonor,

e l cha-j esponiss la situassion
dle soe finanse pvre e dl s buss,
e la rapacit dij brut moscon,

disendje: -Se ant vst cheur ancor a-i fuss
un p d misericrdia e n p d piet
pr tante pvre avije ch son a juss,

adess l temp dusela e davn l
con na legion antrega d tiralieur
tuti causs, vest e bin arm.-

l cap dij galavron Zin-zon-val-fleur
a-j dis : -Ambassador, crussieve nen,
noi soma penetr d vstri maleur.

Risponde a vstra Argin-a ch son an tren
tuti ij m bravi, e voi an dontr di
i rivdr laurora e l cel seren.


Noi i vniroma espress pr custod
vstramel, vstra sira e vstre ca:
cio pr libereve e gnente d pi.-

-Ere galavron, donque a sar,-
lutr a-j ripet da coj bruti barbis
neti la ca d javije e liber?

Ah! Voi i sar sempre nstr amis:
noi i faroma n sira un monument
tribut d riconossensa a vstr pais!-

Dit l sopata jale e part content,
prta la neuva a jaitre, e a lindoman
sento son le trombe vers ponent.

Larmada a riva l tambor batan:
as vddo contra l sol tuti a lus
jabitator dla val dl Rabadan.

Taco bataja, e l ij moscon ard,
apress ess-se difis con gran calor
a son rest disfit e sbalurd;

ma apen-a ij galavron son vincitor,
a son butasse lor a comand,
e jhan robaje l rest chavo ancor.

Javije disper s buto a pior,
disend: -Oh, iniquit! -lo cos
chI lav prometune d trat?

Zin-zon a lha promess d mandeve s
pravnine a liber, dene brass-frt,
ma nen pr sachegene ij nstri ni.

E voi, pr la rason chi s p frt,
jav scass ij tavan pr piene l rest:
h, com l deplrabil nstra srt!-

Giovnt i parlo a voi con sto pretest:
sta-s l mach na fvola, l vi;
ma pur a l un esempi manifest

chariva tuti ij di fin tra fratej.

Home Page | L'Associazione Noste Reis | Corsi per le scuole | Corsi per adulti | Le pubblicazioni | La lingua piemontese | Mondo, identit e storia | Breve corso online | Letteratura | Pittura | Scienza | Attivit e incontri | Contatti e Note | Riconoscimenti | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu