Associazione Culturale Noste Reis - Lingua e cultura del Piemonte

Cerca nel sito

Vai ai contenuti

Lezione 9

Breve corso online

Letura


Lession d notoma (prima part)

S'i veule amprende a parl bin l piemontis i peule nen vans 'd consse ij nm d le part dl crp an nsta lenga.

Tit j'mo e le fomne an bon-a sanit a l'han na testa, doi brass, doe man, doe gambe e doi pe.

An sla testa i l'oma ij cavj (s'i soma nen pla) ch'a peulo esse biond, ross o nir; ch'i ch'a l'ha ij cavj nir as dis ch'a l' brun.

Sempe an testa i l'oma j'euj; dzora dj' euj a-i ij sign. J'euj a peulo esse bleu, verd, gris o marn.

Cand ch'i durmoma i saroma le parpile.

Dzora dij sign a-i 'l front (o, coma as sent a d pi soens al di d'ancheuj, la front); peui, aranda dj'euj, le tempie.

Sota j'euj i l'oma le ciafrle, l nas (con le naris), la boca e -sota 'd chila - 'l manton. Ant la boca a-i ij dent. Caidun d lorutri a l'ha 'd nm: pr' esempi ij dent paltte; ij dent massl, ma a ven da masslla, valad la mangiria; l'agetiv oj a ven da ja, ch'a l' n'ausel 'd rapin-a; an efet ij dent oj a l'han na forma ussa ch'a arcrda na frisa 'l bech d l'ja.

L'hai-ne dsmenti caics? J'orije, sigura! E ij lver. S'a f trp frid, ij lver as schrvasso. (1)

Sota 'l manton a-i 'l cl; drinta la boca a-i la lenga. S'i l'oma pij 'd frid la gola a peul fene mal. Ln che j'italian a ciamo "la nuca" a l' pr nojutri piemontis "l cupiss". Se un "a l'ha gnente ant l cupiss" a veul d ch'a l' na testa veuida. A l' pa un gran bel compliment...

Cand ch'i pioroma ij nstri euj a produvo 'd secression bin conosse ch'as ciamo an piemontis larme o lerme; un sinnim d larma ch'as peul sent-se sovens a l' stissa 'd pior.

Driera rba, e peui arvdd-se a la lession ch' ven: a 'nta nen confonde la caviera, ch'a l' cola dj'mo, con la cma, ch'a l' cola dj lion o dij cavaj; a sara coma pij mssonere pr lanterne, o, tan pr'st an tema, confonde ij cavjin sutij 'd na masn con ij cavjon longh (2) d'un fieul d le fior d j' Agn Sessanta dl Neuvsent...

(1) Schrvass / scarvass = screpolare
(2) Cavjon = capellone (accrescitivo di cavj, da non confondere con cavion = bandolo:
cavion dla marela = bandolo della matassa)


Vocabolari

notoma = anatomia
amprende = imparare
vans 'd ... = fare a meno di ...
vans-te la pen-a! = risparmiati la fatica!
consse = conoscere
nm = nome
part = parte
crp = corpo
sanit = salute
testa = testa
brass = braccio
man = mano
gamba = gamba
pe = piede
cavj = capello (
un cavj, doi cavj)
pla = pelato (la plata = la pelata)
biond = biondo
ross = rosso
nir = nero
as dis = si dice




brun (femm.
brun-a) = bruno
euj = occhio
dzora 'd = sopra (di)
a-i = c'; ci sono
bleu (femm.
bleuva) = blu
verd (femm.
vrda) = verde
marn (invar.) = marrone
durm / deurme = dormire
sar = chiudere
parpila = palpebra
sign = sopracciglia
front = fronte
soens / sovens = spesso (avv.)
al di d'ancheuj = oggigiorno
peui = poi
aranda 'd = accanto a
tempia = tempia
sota = sotto
ciafrla / ciafela = guancia
naris = narice
boca = bocca
manton = mento
dent = dente
caidun / caicun = qualcuno
pr'esempi = ad esempio
dent paltta = incisivo
dent massl = molare
dent oj = canino
masl = macellaio
masslla / mangiira = mascella
valad / visad = cio
ja = aquila
ausel / osel = uccello
ausel 'd (o
d) rapin-a = uccello rapace
an efet = infatti
uss / auss (pron. a-ss) = aguzzo, appuntito
arcord = ricordare (
mi i arcrdo)
bech = becco
na frisa = un poco
dsmenti / dsmenc = dimenticare
caics = qualcosa
orija / aurija = orecchio
lver = labro (anche "petalo")
as schrvasso = si screpolano
cl = collo
drinta = dentro
lenga = lingua
gola = gola
fene mal = farci male
ln che = quello che, ci che
cupiss = nuca
veuid = vuoto
cand = quando
pior (mi i pioro) = piangere
produve / prode (
mi i produvo / prodo) = produrre
larma / lerma = lacrima
dri (femm.
driera) = ultimo (pi utilizzato l'italianismo ltim).
arvdd-se = arrivederci
ch'ven / ch'a-i ven = prossimo /-a /-i /-e
a'nta (=
a venta) = bisogna
confonde = confondere
caviera = chioma, capigliatura
cma = criniera
mssonera / bja mssonera / lusairla / lumin = lucciola
lion = leone (vuole gli articoli
n e l)
caval = cavallo
tan pr'st an tema = tanto per restare in argomento
sutil (femm.
sutila; plur. sutij, femm. sutile) = sottile, esile
longh (femm.
longa) = lungo
masn = bambino
agn = plurale irregolare di
ann (= anno)

Conversassion


J'ausej

- It sas-to ij nm d j'osej an piemontis?

- i!

- Anlora, sentoma!

- D'acrdi: tan pr ancamin, i veuj mansion ij passart, ch'a son cit e a gasojo 'd na manera motoben melodiosa: am piaso pi ch'ij colomb, ch'a son maunet e gross.

- E peui? Va anans!

- Peui, i podra parlete dl'arsigneul (che an lenga piemontisa as peul ciamesse 'dc rossigneul), ch'a l' n'oslet ben avos mers a s cant tan doss. A diso parj che gnun ausel a canta pi dosman che l'arsigneul...

- Gav dl'ania cigna, ch'a canta soa canson pi dossa e malinconiosa cand a l' an camin pr meuire.

- Folair! A l'ha dit bin Platon che gnun osel a canta cand a l' l'ora d'and a la Vrit. Ma 't l'has rason, l cant d l' ania cigna a l' pien d dosseur.

- Dis-me d'utri nm d'ausej.

- Com ch'it veus. l picioross, l coco, la lerda as peulo trovesse ant ij bsch coma ant ij giardin d nste sit. S'it vas s an montagna it peus avj l boneur d'ambate n'arbnna, ch'a l' na vairet 'd pernis.

- E le rndole?

- Le rndole, ch'as peulo 'dc ciamesse rondne, a son pi rire, ancheuj, che na vta. Veus-to vdde ch'a l' 'dc ln an cusa a l'm?

- E l'aluda?

- L'aluda (o ldola, o ldna), a l' n'oslet ch'a l'ha na bela vos e ch'a l' dvent famos an literatura mers a na canson fiamenga dl trobador medieval Bernat de Ventadorn: na canson ch'as cantava bele da nojutri an Piemont cand che Berta a filava.

- E s'i furniisso sa ciaciarada con parl dj' ausej 'd rapin-a?

- Volont. Anlora, i soma scasi oblig 'd parte da l'ja, l'argin-a dj' osej. Ij cit d l'ja, s'it lo savisse nen, as s-ciamo ojet. Peui a-i 'l voltor, che s da nojutri a l' dspar, ma a surviv an d'utre region d l'Eurpa. Peui i podoma sit l'oloch, l duch e la sivtola, ch'a seurto fra d 'd neuit. La crivela an italian as s-ciama "gheppio", e 'l milan a l' 'l "nibbio".

- E coma ch'as dis an piemontis "poiana"?

- As dis "pondr".

- E ghiandaia"?

- As dis "gaj". Adess pro con tit si nm d'osej: i l'oma elencaje tit, n pi n manch!

- Pa vj: it l'has dsmentiane vire.

- Coj, pr'esempi?

- l cornajass, l crovass, la berta (o ajassa), l cardlin, l farchet, l sparav, la merla, la merla pschera, sensa cont 'l gal, la galin-a, 'l pito (o dindo, o biro), sensa cont peui...

- Pro, fame 's pias! I na peuss pi!

Vocabolari

i = s (enfatico)
anlora = allora
sentoma! = sentiamo!
d'acrdi = d'accordo
tan pr ancamin = per cominciare
mansion (i mansion-o) = menzionare, citare
passart (femm. passra) = passero
gasoj (a gasoja) = cinguettare
'd na manera = in un modo




'd na manera motoben melodiosa = assai melodiosamente
colomb = piccione
maunet (femm.
mauntta) = sporco
gross (femm.
grossera) = grossolano
va anans! = va avanti
i podra = potrei
parlete = parlarti
arsigneul / rossigneul = usignolo
as peul ciamesse = si pu chiamare
oslet / oslin = uccellino
avos = noto, famoso
mers a = grazie a
cant = canto
doss = dolce
as dis parj che = si dice che (lett.: si dice cos che)
dosman = dolcemente
gav 'd = eccetto
ania cigna / cign / sign = cigno
malinconios = malinconico
a l' an camin pr = sta per
folair! = sciocchezze!
dosseur / dossor = dolcezza (anche: coccola, vezzo che si da all'innamorata)
dis-me = dimmi
picioross = pettirosso
coco = cuculo
lerda = cinciallegra
bsch = bosco
giardin = giardino
it peus / it peule = puoi
boneur = fortuna, felicit
ambate = imbattersi (si costruisce con il semplice complemento oggetto)
arbnna = pernice bianca o delle nevi
pernis = pernice
rndola / rondna = rondine
rir = raro
na vta / na vira = una volta
an cusa / an cusa 'd = a causa di
aluda / ldola / ldna = allodola
famos = famoso
dvent = diventare
literatura = letteratura
mers a = grazie a
fiamengh = splendido, bellissimo
trobador / trovador = trovatore
furn / fun / fin = finire
ciaciarada = chiacchierata
con parl = parlando (con + inf. = gerundio)
volont = volentieri
scasi / squasi = quasi
parte / part = partire
ojet = aquilotto
s'it lo savisse nen = se non lo sapessi (tu)
argin-a = regina
voltor = avvoltoio
dspar = sparire
survive / sorvive = sopravvivere
sit = citare (sitassion = citazione)
oloch = barbagianni
duch / cioch / suiton = gufo
sivtola / sutta = civetta
seurte fra / feura = uscire fuori
d 'd neuit = di notte ( d 'd di = di giorno)
n pi n manch = n pi n meno
pa vj = mica () vero
dsmenti = dimenticare
vire = parecchi
coj? = quali?
cornajass = cornacchia
crovass / croass = corvo
berta / (a)jassa = gazza
cardlin = cardellino
farchet = falco
sparav = sparviero
merla / merlo = merlo
merla pschera = martin pescatore
gal = gallo
galin-a = gallina
pito / dindo / biro = tacchino
pro! = Basta!
fame 's pias = fammi questo favore
i na peuss pi = non ne posso pi

NTE D GRAMTICA


GLI AVVERBI DI ORIGINE FRANCESE

In piemontese gli avverbi italiani in mente non sono usati. Vedremo pi avanti come possano essere resi; per il momento segnaliamo la presenza nell'idioma subalpino di avverbi provenienti dal francese
che utile conoscere:

dosman (dolcemente)
maloreusman (sfortunatamente)
vitman (velocemente)
notaman (segnatamente)

Nota:
vitman una forma analogica: in effetti non esiste in francese l'avverbio 'vitement'.

VERB


PARTICIPIO PASSATO

Si forma aggiungendo al radicale verbale:

-
.per i verbi appartenenti alla prima coniugazione

- u .per i verbi appartenenti alla seconda coniugazione

- . .per i verbi appartenenti alla terza coniugazione

Il participio passato della prima coniugazione invariabile (plurale, singolare, maschile, femminile);
esempio: verbo
parl (parlare), p.p. = parl (parlato /-a /-i /-e)

Nel caso della seconda e terza coniugazione si declinano come normali aggettivi;
esempi:
verbo
serne (scegliere), p.p. = sern (scelto, scelti), serna (scelta), serne (scelte)
verbo
fin (finire), p.p. = fin (finito, finiti), fina (finita), fine (finite)

Alcuni verbi hanno un participio passato irregolare:

esse (essere), p.p. = stita (stata), stite (state)
st (stare), p.p. = stit oppure stit dopo consonante (stato, stati)
d (dare), p.p. = dit (dato, dati), dita (data), dite (date)
and (andare), p.p. = andit (andato, andati), andita (andata), andite (andate)
d (dire), p.p. = dit (detto, detti), dita (detta), dite (dette)
f (fare), p.p. = fit (fatto, fatti), fita (fatta), fite (fatte)
vn (venire), p.p. = vnit / vn (venuto, venuti), vnita / vna (venuta), vnite / vne (venute)
pij (prendere), p.p. = pijit (preso, presi), pijita / pij (presa), pijite (prese)
vorj (volere), p.p. = vors (voluto, voluti), vorsa (voluta), vorse (volute)

PASSATO PROSSIMO

Il passato prossimo, che nel piemontese contemporaneo fa anche le veci del passato remoto, si forma con l'aiuto degli ausiliari
esse e avj, che vengono seguiti dal participio passato dei verbi.

passato prossimo dell'ausiliare esse / essere

esse

essere

mi i son stit / -a

io sono stato/ a

ti it ses stit / -a

tu sei stato/ a

chiel/ chila a l' stit / -a

egli/ ella stato/ a

nojuti i soma stit / -e

noi siamo stati/ e

vojuti i seve stit / -e

voi siete stati/ e

loruti a son stit / -e

essi/ e sono stati/ e

passato prossimo dell'ausiliare avej / avere

avj

avere

mi i lhai av

io ho avuto

ti it lhas av

tu hai avuto

chiel/ chila a lha av

egli/ ella ha avuto

nojuti i loma av

noi abbiamo avuto

vojuti i leve av

voi avete avuto

Loruti a lhan av

essi/ e hanno avuto


Esempi di passato prossimo:

i l'hai cant na canson (ho cantato una canzone)
it l'has sern bin (hai scelto bene)
a l'ha fin s travaj (ha finito il suo lavoro)
i soma andit a ca (siamo andati a casa)
i seve stite fra (siete state fuori)
a l'han fit l'amor (hanno fatto l'amore)

L'uso degli ausiliari in piemontese di solito identico a quello dell'italiano, bench in piemontese l'uso
del verbo avere sia pi frequente di quanto non sia in italiano.

Esempi: a l'ha piuv ( piovuto), i l'hai dv (sono dovuto)

ALTRE OSSERVAZIONI SUI VERBI

1. Nelle frasi italiane che contengono un pronome riflessivo il piemontese preferisce l'uso dell'ausiliare avere:

i l'hai trovame bin (mi sono trovato bene)
i l'hai beivume na bira (mi sono bevuto una birra)
a l'ha butasse a pior (si messo a piangere)

2. Come si nota nei testi della presente lezione, nella lingua piemontese i pronomi complemento sono posti in coda al participio passato:

a l'ha cantame na canson (mi ha cantato una canzone), a l'ha ciamate (ti ha chiamato)

Il piemontese l'unica lingua neolatina a presentare una simile costruzione (anche se il romeno, in un caso, si comporta allo stesso modo). Si ritorner pi volte sull'argomento.

3. Alcuni participi irregolari, uscenti in
it, perdono tale desinenza a contatto con i pronomi complemento:

a l' vnit ( venuto)
a l' vnume mal (mi venuto male)
a l'ha fit (ha fatto)
a l'ha fame mal (mi ha fatto male)

4. Il participio del verbo
d (dire), cio dit, perde la consonante finale a contatto con i pronomi complemento:

it l'has dit (hai detto), it l'has dime (mi hai detto)

CONIUGAZIONE INTERROGATIVA (CONTINUAZIONE)

Prch?, cs?, chi?, (an)doa?, ant? - ammettono la coniugazione interrogativa:

prch ses-to s? - cs veus-to? - chi -lo? - andoa va-lo? - ant vas-to?

ma se si usa il rafforzativo "
che" la coniugazione interrogativa non si pu usare:

prch ch'it ses l? - csa ch'it veus? - chi ch'a l'? - ant ch'it vas?

e si dice ln ch'a veul? .e non ln ch'a veul-lo?

ESERCISSI. VIR AN ITALIAN / AN PIEMONTIS


1. Jer it ses stit mal;
ancheuj it stas na frisa mej?
2. Cand che 'l gat a-i nen ij giari a danso
(
dans = ballare).
3. A l'ava na fija ch'a-j diso Norin-a.
4. I l'hai vir (
vir = girare) pr vire contr,
ma i l'hai pa trov 'l palas ch'i srcava.
5. S'it veus it conto na fula coma cole
ch'am contava sempe mia mare cand i j'era cita
6. Ant ch'it vas, Fransesch? A trov mia morosa




1. Quando Norin-a era piccola,
la sua mamma le raccontava sempre delle fiabe.
2. Oggi non c' il sole. Non c'era nemmeno (
gnanca) ieri, cos ho preso l'ombrello (parapieuva).
3. Se cammini in fretta arrivi in tempo (
an temp).
4. Cosa ti ha detto? Non so, non ho capito bene.
5. Perch sei qui? Perch ti devo parlare

Home Page | L'Associazione Noste Reis | Corsi per le scuole | Corsi per adulti | Le pubblicazioni | La lingua piemontese | Mondo, identit e storia | Breve corso online | Letteratura | Pittura | Scienza | Attivit e incontri | Contatti e Note | Riconoscimenti | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu