Associazione Culturale Noste Reis - Lingua e cultura del Piemonte

Cerca nel sito

Vai ai contenuti

Lezione 19

Breve corso online

Conversassion


Neuve conossense

Cristin-a a l anvit a na festa
a ca d s amis Martin.
- Cerea Martin, it ses stit gentil a anviteme.
- Bon-a sira Cristin-a, grassie chit ses vna.
I veuj presentete m amis Giaco.
- Giaco, Cristin-a a santeressa derbo e fior,
coma ti.
- A lera ora chit m la feisse consse, i lava gi vist-la e i vora tant parleje ansema
- Bin, adess iv lasso.
- Am lo disa Martin cha lava namis botnich.
- I son pa n specialista ma i vivo an campagna
an mes ai bsch.
-Mi i vivo a Turin ma i stago bin mach quandi chi son an mes a jerbo.
- Alora andoma a f na spasgiada ant l giardin: laria a l dossa e a-i son tante stile.
- Ses-to dc un poeta?
- Chich vira. Alora, vens-to?
- E Martin? Ln chi-j disoma?
- Si ch'a-i na f. I-j na parleroma doman.




Vocabolari

Ca = casa
Cerea = salve, buon giorno, buona sera
Chit m la presentissa = che tu me la presentassi
Ln chi-j disoma? = cosa gli / le / loro diciamo?
Si ch'a-i na f = non importa
I-j na parleroma = gliene parleremo

NTE D GRAMTICA


GRUPPI PRONOMINALI 2

Gruppi anteposti al verbo

italiano

piemontese

 

1a sing.

2a sing.

3a sing.

1a plur.

2a plur.

3a plur.

melo

im lo

it m lo

am lo

-

im lo

am lo

telo

it lo

it t lo

at lo

it lo

-

at lo

velo

iv lo

-

av lo

iv lo

iv lo

av lo

selo

-

-

as lo

-

-

as lo

I gruppi pronominali italiani:..........glielo,....gliela,....glieli/le,....gliene
si traducono in piemontese con:
.....-j lo,.....-j la,......-j je,........-j na
e sono sempre uniti dal trattino al pronome verbale.

Esempi.

mi i-j la prto (gliela porto), mi i-j je prto (glieli/e porto), chiel a-j je prta (egli glieli/e porta),
mi i-j na prto (gliene porto), lor a-j na porto (loro gliene portano).

Nel caso della seconda persona singolare, il pronome verbale it .prende una i .eufonica:
ti it i-j je prte (tu glieli/e porti), ti it i-j lo pije (tu glielo prendi), ti it i-j na prte (tu gliene porti).

PRONOMI RELATIVI

Il relativo piemontese (soggetto)
chi .corrisponde al 'chi' italiano.
Generalmente si fa seguire da
che.

Esempi.

Chi cha lha ditlo a lo sava (chi te lo ha detto lo sapeva),
chi cham conss am veul bin (chi mi conosce mi vuol bene).

Il relativo piemontese (complemento)
che .corrisponde all'italiano 'che, quale/cui' (complemento).
Se seguito da vocale perde la
e .finale.

Esempi.

l cad che Gioann a lhai faje a l piasuje (il regalo che Giovanni gli/le ho fatto gli/le piaciuto),
lora chit ses riv mi i jera al mrc (lora nella quale/in cui sei arrivato ero al mercato),
ant la sit chi vivo a-i doe ligne d metr (nella citt nella quale vivo esistono due linee di metropolitana).

Il relativo piemontese
dont .traduce le forme italiane 'del quale, della quale, dei quali, delle quali'.
Pu anche tradurre 'nella quale, nei quali, nelle quali'.

Esempi.

l lber dont i lhai parlate (il libro di cui ti ho parlato),
l pas
dont i son n (il paese in cui/nel quale sono nato).

PRONOMI INTERROGATIVI

a) di persona:
chi? chi che?

Esempi. Chi cha parla? (chi parla?), chi cha ven stassira? (chi viene stasera?)

b) di cosa:

csa? cs? csa che?
Esempi. Csa chit fas? (cosa fai?), Cs chit dise? /.Cs chit dis-to? (cosa dici?)

ln che?
Esempio.
ln chit n dise? (cosa ci dici?)

In piemontese sono preferibili le forme con il che.

NOTA.
Chi che? .Csa che? .ammettono la forma interrogativa sia con il pronome verbale interrogativo posposto sia senza:.Cs it fas-to? oppure Cs it fas?
Invece
ln che? .rifiuta il pronome verbale e si pu dire solamente: ln chit fas?

ESERCISSI. VIR AN ITALIAN / AN PIEMONTIS


1. Che bela fija a l' tua seure! It em la fas consse?
2. I l'hai fit na bela torta e aora i-j la porto.
3. Chi ch'a crija tuti ij moment, p gnun a lo sent !
4. L'af dont i l'ava parlate as f p nen.
5. Cs ch'as chrd chila-s?
6. Ln ch'it na dise 'd na bela bira frsca?




1. Michele deve andarsene subito di qui.
2. Fate solo dei pasticci (
pastiss)
....e io me ne lavo le mani.
3. Questa la persona di cui ti ho parlato
4. Cos'hai portato di bello?
5. Te la volevo dare, ma tu non l'hai voluta!
6. Ve la far assaggiare a pranzo

Home Page | L'Associazione Noste Reis | Corsi per le scuole | Corsi per adulti | Le pubblicazioni | La lingua piemontese | Mondo, identit e storia | Breve corso online | Letteratura | Pittura | Scienza | Attivit e incontri | Contatti e Note | Riconoscimenti | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu